Ora sono un reporter di Politico a Bruxelles, blog sospeso

NEW YORK — Politico announced a flurry of hires Tuesday and plans to launch its European edition on April 21, according to a staff memo obtained by The Huffington Post.

The European edition, a joint venture with German media giant Axel Springer, will feature a frequently updated site, as well as subscription-based “Pro” verticals dedicated to energy, health care and technology. That revenue model is similar to Politico and Politico-owned Capital New York, each of which boast a free site alongside premium products for specific coverage areas, such as tax policy, defense and media.

And similar to Politico, which publishes a Beltway-oriented weekday print edition, the European edition will include a print component. The weekly paper be available in major European cities, including Brussels, Paris, Berlin and London, starting on April 23.

“We’re going to bring the unique approach that changed the way politics was covered in Washington to Brussels and beyond,” reads the memo from Politico Europe executive editor Matt Kaminski, Politico editor-in-chief and co-founder John Harris and Shéhérazade Semsar-de Boisséson, managing director of European Voice, which was acquired by the joint venture in December.

“To achieve that goal, we are assembling a roster of some of the most talented reporters and editors on the continent — a mix of respected veterans and ascendant younger journalists — who are ready to help shake up a European media scene, which, in our judgment, is in need of something different,” they continued.

By next month, they wrote, Politico “will have more reporters in the two main political and regulatory centers of the world — Washington and Brussels — than any other publication.”

For the European launch, editors have tapped senior EU correspondent Ryan Heath to write a morning column on “what’s driving the daily political conversation on this side of the Atlantic,” a product similar to Mike Allen’s Playbook.

The company announced a slew of hires already based in Europe, including Reuters’ Pierre Briançon and Nicholas Vinocur, Italian investigative magazine editor Jacopo Barigazzi, and American journalist Zeke Turner.

In addition, New York Post city hall reporter Tara Palmeri will be heading to Brussels, and both former New Republic managing editor Linda Kinstler and Newsweek veteran Tunku Varadarajan have joined as contributing editors.

Politico is soon expected to announce a major U.S. state expansion as well, according to a high-ranking company source.

Here’s the full staff memo listing European hires:

From: Matt Kaminski, John Harris, Sheherazade Semsar
Sent: Tuesday, March 17, 2015

Subject: Exciting News…

Team,

The new publication we are building is moving swiftly from idea to reality, and the three of us would like to share several big developments on both the editorial and business fronts.

Most importantly, we have set a date for our launch. At 12:01 am Brussels time April 21, http://www.politico.eu goes live. POLITICO will be a global publication. We’re going to bring the unique approach that changed the way politics was covered in Washington to Brussels and beyond. To achieve that goal, we are assembling a roster of some of the most talented reporters and editors on the continent — a mix of respected veterans and ascendant younger journalists — who are ready to help shake up a European media scene, which, in our judgment, is in need of something different. Please do read below for news of our new colleagues, including some names that will turn heads in Brussels and other capitals.

First, however, we would like to share a bit of context about this singular moment. As of next month, POLITICO will have more reporters in the two main political and regulatory centers of the world — Washington and Brussels — than any other publication. Combined with our expansion into state capitals in the United States, we are building on the power of a brand that offers a very clear promise to our audience: We deliver journalism about politics and policymaking that is more authoritative in its sophistication and nonpartisan perspective than any competitor; that is more useful to people with a professional interest in public affairs; and that is more fun to read for a community of people who love the drama and sheer sport of politics.

Here in Europe, where POLITICO is being built as a joint venture with the respected German publishing house of Axel Springer, we aim to compete in three arenas:

  • From our main newsroom here in Brussels, we will cover the machinations and maneuvers, the personalities, and the political culture of this capital with more immediacy and style than anyone has done it before. To hell with those who say the work of Brussels is important but boring. We know that work is important and, behind the scenes, infused with fascinating people and gripping political plotlines.
  • For people in Europe, the United States, and around the world with professional Interests at stake in the regulatory and policy debates of Europe, we will dominate this space with premium subscription content under the Pro subscription model. This will build on the success of Pro content teams in Washington and New York. Here in Europe, our first Pro verticals will be on energy, health care, and technology.
  • With reporting assets not just in Brussels but in key capitals across the continent, we aim to illuminate the big European stories. As we see in the headlines every day, the security and economic challenges of Europe have become more urgent — with consequences that echo around the globe — than at any time in the past generation. The way to cover these European stories is not from Brussels alone, or from the perspective of any one nation, but between understanding the leaders and the interplay of interests between different capitals.

By winning the competition in these three arenas, we aim to be the dominant politics and policy publication in Europe, just as POLITICO has become in the United States over the past eight years. We won’t arrive at this goal on Day One. But we are already galloping toward it, as will be evident from today’s news:

On launch day, our signature morning column about what’s driving the daily political conversation on this side of the Atlantic will blast into email inboxes. Building on the success of Mike Allen’s Playbook in Washington, the European column will offer sharp reporting, analysis, and a daily rundown of the most important (or amusing) developments here.

We’re delighted to say we’ve found the ideal person for this role: Ryan Heath, senior EU correspondent and associate editor at POLITICO. Ryan will write the morning column, contribute articles, and host some of our events. He needs no introduction around Brussels. For those outside the bubble, Ryan worked at the European Commission between 2008-14. He advised President José Manuel Barroso and made Commissioner and Vice President Neelie Kroes the most talked about woman in town while working as her spokesman. Ryan worked in politics in his native Australia and the U.K., but caught the journalism bug early on, filing columns for the Sydney Morning Herald in his teens. Ryan published what we gather is (or should be) a cult classic Down Under in 2006 entitled “Please Just F* Off: It’s Our Turn Now,” a call to generational arms. He’ll join us in coming weeks.

POLITICO will make its print debut in Brussels, Paris, Berlin, London and other European power centers on Thursday, April 23. We will publish weekly.

Our journalism will be delivered on paper, on phone screens, via the web and on social media, through video and podcasts — and of course with news-making public events — the first of which will be our launch event on the evening of April 23.

European Council President Donald Tusk has agreed to headline the event. NATO Secretary General Jens Stoltenberg will talk about the showdown with Russia over Ukraine. European Commission Vice President Andrus Ansip will discuss Europe’s new digital agenda. We’ll announce our full lineup, including several heads of government, in the coming weeks.

While we intend to own the Brussels story, we’ll cover European affairs from key capitals. Let’s start outside the Brussels ring road.

We’ve got an outstanding team in place in Paris. Pierre Briançon, the London-based Europe editor of Reuters Breakingviews, will lead our coverage of France. He’ll also contribute stories on the euro crisis and wider European political developments. We don’t know anyone else who has had such an exceptional and varied career in two different languages. Pierre worked at Libération when Libération shook up the French media scene. Over 18 years, he was business and economics editor, ran the offices in Moscow and Washington and finished his tenure as editor-in-chief. A dozen years ago he jumped over the linguistic and cultural divide to head up the Dow Jones Newswires bureau in Paris. He joined Breakingviews, a financial commentary startup subsequently acquired by Reuters, in 2006. In between he’s authored books about jazz, a fallen French tycoon and the collapse of the Soviet Union. Pierre is moving to Paris.

Joining Pierre there will be Nicholas Vinocur. Swedish and American by birth, Nick grew up in Paris and studied Arabic at Yale. He is a published illustrator. For the last seven years, Nick has reported for Reuters from London, Stockholm and currently Paris. As part of their general news team, he has written about French politics and economics, organized labor and terrorism. We can’t think of any journalist who has done better work on the French right (see this and thatstory). At POLITICO, Nick will focus on infiltrating the Élysée, Matignon and the fringes of European politics.

Providing an Italian perspective will be Jacopo Barigazzi. He’s moving from Milan to Brussels but will follow his home country’s and European news. Jacopo is a first-class reporter and a journalistic innovator. He was a co-founder and editor-in-chief of the award-winning and independent investigative magazineLinkiesta. At ease in his native Italian as well as English, he has reported for Newsweek, Abu Dhabi’s The National and Reuters. He holds an MA in journalism from London City University.

Also joining us in Brussels is Tara Palmeri, City Hall reporter for the New York Post. Tara started her career out of college writing the feared and popular Yeas and Nays column for the Washington Examiner. She got scooped up by the Post in 2010 to report for the legendary Page Six. For the past two years she has covered general news, fashion and entertainment (and gained global fame for standing up to Alec Baldwin and Sean Penn — you can Google that yourselves) as well as New York politics. She’ll be bringing her flair, toughness, and nose for breaking stories to this town.

Zeke Turner will move to Brussels from Berlin later this spring. After editing the student daily at Dartmouth, Zeke worked at the New York Observer and WWD. For the past few years, he has travelled the world for Bloomberg BusinessWeek, WSJ., the New Republic and The New York Times, among others. He’s written stylish features about the the art world, offered offbeat takes takes on the euro crisis and chronicled the Brooklyn-to-Berlin exodus (which incidentally applies to him too). He’ll cover the intersection of economics and politics in Europe.

We’ve found great homegrown talent at European Voice to strengthen the reporting team in Brussels.

Our own James Panichi — a veteran Australian journalist who joined European Voice last year — will be POLITICO’s inaugural EU lobbying and governance reporter. He’ll write a weekly newsletter and contribute stories long and short. He’ll also headline some of our podcast and video offerings.

Kalina Oroschakoff, currently at GPlus Europe, will cover many things energy for POLITICO. Born in Germany, Kalina has worked at Reuters in Berlin and travelled widely in Eastern Europe (and speaks Russian). She oversaw the energy portfolio at her consulting firm.

Aleksandra Terzieva, a Bulgarian national who was educated in America and the U.K., will write our daily newsletter on healthcare and contribute stories. She previously worked for FTI Consulting in Brussels.

In the editing ranks, we’ve made some significant appointments.

Jan Cienski, the Poland correspondent for the Economist, becomes energy editor. His team will report on energy, security and European politics further east. Jan ran the Financial Times’s bureau in Warsaw in 2003-14. He previously worked for the AP in the U.S. and was Washington bureau chief for Canada’s National Post. He holds South African, Canadian and Polish citizenship.

We’re glad to report that our former colleague Craig Winneker (at the WSJ in Matt’s case and EV in some of ours) becomes our colleague again next month. Craig is an American fixture in Brussels. A former managing editor of Roll Call in Washington, he came over in 2000 to work as deputy editor of European Voice. He was later editor of the Wall Street Journal’s European Weekend edition. He’s worked more recently in public affairs. We’re delighted to have lured him back to his first love, journalism. As news editor, Craig will oversee a team of political reporters and contribute stories as well.

We’ll be looking to drum up great features from staff as well as outside contributors. Leading that effort in the early months will be Linda Kinstler and Tunku Varadarajan, who join as contributing editors.

Tunku is the former editor of Newsweek and previously a media critic, opinion writer, and editorial features editor at the Wall Street Journal. In his first career, he taught law at Oxford, before surprising his friends (if not himself) by taking a job with the Times of London. His passions vary from the politics of cricket to Miley Cyrus to how to run a legendary weekly magazine. He’s also a fellow at Stanford’s Hoover Institution, where he edits its Defining Ideas publication.

Linda joined us in Brussels last week to work on the launch, commission and edit opinion and magazine articles, and report her own stories. A citizen of Latvia, she was most recently the managing editor of The New Republic, where she wrote widely about the Ukraine crisis.

We also have a dynamic and fully-staffed production team in place to make POLITICO look great in every medium. Jeanette Minns, who keeps the trains moving at the European Voice, will head up a six-person team as production editor. Paul Dallison will be assistant editor. Cynthia Kroet, a Dutch-born reporter at the European Voice, will oversee our multimedia offerings as video editor. Ivo Oliveira, a Portuguese national who worked for the media startup Fair Observer while finishing his PhD in German philosophy in Munich (on Kant and Husserl — feel free to ask him for an abstract), came on board last week as a web producer. Jules Johnston, via Scotland and Brussels, who was raised in Leuven and trained as a journalist in London, will be joining as web producers in coming weeks.

Please join us in congratulating everyone and wishing them the best of luck in their new roles.

Matt, John, Sheherazade

Advertisements

Da Scelta Civica ai giornali, l’errore è sempre quello, la società civile non esiste più

In requiem di Scelta Civica la politica si prende una rivincita sulla cosiddetta “società civile” e sulla sua presunta forza moralizzatrice. Ma Sciolta Civica, come fu prontamente ribattezzata, sembra solo l’ultimo degli abbagli sul concetto di società civile. La domanda non è infatti se i cittadini siano davvero così più virtuosi e morali dei politici (un punto su cui è lecito nutrire multi dubbi) ma se il riprodursi di queste istanze moralizzatrici non vada sempre a fallire (ricordate la Rete di Orlando?) per la semplice ragione che la società civile si è rivelata una chimera o forse il ricordo di un passato. Una domanda che, per chi come chi scrive si occupa ogni giorno di informazione, ha un suo corollario anche per i giornali: che futuro possono avere se prima sparisce la pubblicità e poi, appunto, la società civile? Che fine ha fatto infatti quest’entità che fu definita da Bentham come il “tribunale incorruttibile”, quella la cui nascita e il cui sviluppo hanno storicamente seguito passo a passo quello della stampa? È vero che il concetto classico di “società pubblica” è tecnicamente morto, come si evince da uno dei suoi massimi teorici, Jurgen Habermas? Perché se è così, allora dobbiamo annoverare anche questo fra i cambiamenti epocali del mondo dell’informazione e della politica, uno di quelli centrali per capire come funziona l’influenzamento dei processi decisionali. Se è così allora anche Podemos e Siryza sono palafitte sulla sabbia? Per cercare di rispondere dobbiamo prima capire due altri grandi cambiamenti che avvengono sullo sfondo.

Prima di tutto lo spostamento di focus dell’innovazione, che, mentre nell’epoca dell’industrializzazione ha riguardato soprattutto il lavoro fisico, ora ha come principale campo di applicazione proprio il lavoro intellettuale su cui si è costruito il concetto moderno di borghese (che con l’età moderna segue i criteri dell’istruzione e non si applica più, come accadeva prima, agli artigiani e ai “commercianti da banco”). E poi la “scomparsa del pensiero” come la definisce il Financial Times, vale a dire la sparizione non solo delle grandi narrazioni (come aveva già ben compreso il pensiero postmoderno) ma anche della loro rilevanza pubblica. Davanti a fratture di questa portata, che ruolo può avere allora un giornale di informazione nell’epoca in cui sparisce il suo sottostante, la pubblica opinione? Chi influenza cosa? E che ruolo possono avere i nuovi movimenti?

Chi ha ucciso l’opinione pubblica? Breve cronaca di un assassinio in piazza

Per capire cosa sia successo al nostro concetto di opinione pubblica distinguiamo subito almeno tre fattori che hanno determinato la sfera pubblica come la conosciamo noi e che vengono ora a mancare.

  1. La concentrazione dell’attenzione

  2. Il carattere libero e pubblico dell’opinione,

  3. L’ esistenza di punti di mediazione sociale.

Il primo è proprio quello su cui mette l’accento Habermas, autore di uno storico saggio “Storia e critica dell’opinione pubblica” , scritto nel 1961 che lo rese subito celebre e su cui vale la pena spendere due parole. L’ultimo grande esponente della Scuola di Francoforte in quel libro spiegava tante cose fra le quali la nascita dopo il Medioevo del moderno concetto di “pubblico” (quello a cui restano ancorate le grandi scuole private inglesi che si chiamano ancora public school), e di quello ad esso strettamente collegato di “sociale”. Habermas mette in un continuum fra storia, diritto, sociologia e filosofia la nascita di quell’ idea di “pubblico” (il titolo originale sarebbe infatti Strukturwandel der Öffentlichkeit) che portò alla definizione di Bentham di un’opinione pubblica come “tribunale incorruttibile”. E racconta così anche della nascita del moderno giornalismo. Che, ad esempio, nel caso di quello politico, deve moltissimo ai Tory inglesi i quali, con Henry Saint-John Bolingbroke, nella prima metà del 1700, diedero vita al concetto di un’opinione pubblica governata “dalla fondazione di un giornalismo indipendente che cercò di affermare se stesso contro il governo”, concetto che è giunto fino a noi.

Giusto per intendere quello di cui stiamo parlando, diciamo subito che qui con “opinione pubblica” si intende il processo con il quale privati borghesi si sono costituiti in pubblico attribuendo alla sfera della loro attività raziocinante, cioè appunto a quella pubblica, la funzione politica di una mediazione fra stato e società. Quella funzione, per dirla con Burke, che permette il passaggio del dominio da matter of will a matter of reason, che poi è una delle forze delle democrazie occidentali. Ecco, dice Habermas, parte di ciò che è cambiato fra la data di pubblicazione del suo libro nei primi anni ’60 e oggi è proprio questo. Ciò che cambia fra il mondo della carta e quello attuale, spiega in un’intervista alla “Frankfurter Rundschau” è che “la sfera pubblica classica nasceva dal fatto che l’attenzione di un anonimo pubblico di cittadini veniva ‘concentrata’ su poche questioni politicamente importanti che si trattava di regolare. Questo è ciò che la rete non sa produrre: anzi la rete, al contrario, distrae e disperde”. E, continua: “ciò che manca a questi spazi comunicativi (chiusi in se stessi) è il collante inclusivo, la forza inclusiva di una sfera pubblica che evidenzi quali cose sono davvero importanti”.

Insomma, se si tratta del problema portare o meno gli Usa in guerra, certo che Obama deve tenere conto dell’umore dell’opinione pubblica, e lo stesso vale per i grandi fatti di terrorismo o le adunate contro l’austerity. Ma cosa essa sia, come la rappresenti in epoca di alta frammentazione sociale e come si costruisca questo umore è sempre più parte del problema che i media e la politica devono saper affrontare.

Il paradosso dei social media, sembrano democrazia ma producono censura

Il secondo criterio che un tempo era costitutivo della pubblica opinione e che ora le viene a mancare è quello del “pensiero libero e pubblico”, punto fondamentale per una vera discussione democratica. Perché dall’illuminismo in poi pensare con la propria testa equivale al parlare a voce alta. Scriveva Kant nel suo “Progetto per una pace perpetua”:“Si dice abitualmente: il potere supremo può toglierci sì la libertà di parlare e di scrivere ma non quella di pensare. Ma in quale misura e con quale esattezza sapremmo noi pensare se non pensassimo per così dire in comunione con altri cui comunichiamo i nostri pensieri e che a noi comunicano i loro!”

Eppure i social network sembrano avere incrementato proprio l’autocensura, o meglio ancora quel fenomeno chiamato nel 1974 dalla scienziata politica tedesca Elisabeth Noelle-Neumann “la spirale del silenzio” . Vale a dire il timore di esprimere la propria opinione in un contesto sociale per paura che il farlo potrebbe portare al proprio isolamento. Un recente studio del Pew Research Centre mostra come gli utenti di Facebook e Twitter siano impauriti dal pubblicare commenti sulla vicenda Snowden se questi sono in disaccordo con quelli della loro sfera sociale. L’86% di chi ha risposto ha detto di voler discutere di persona di questo problema con i loro amici e colleghi, ma solo il 42% degli utenti dei social aveva voglia di scriverne sulle piattaforme. In particolare gli utenti di Facebook hanno dichiarato di aver più interesse a scrivere commenti su cui sanno di trovare l’accordo della propria cerchia. Un esempio ulteriore degli effetti della “filter bubble”. Un bel paradosso per il “pensiero libero e pubblico”: nell’epoca dell’anarchia dei social, lo spazio per un vero dibattito pubblico si riduce.

Schermata 2015-02-10 alle 18.41.46

Su quanto possa essere “libero” il pensiero della pubblica opinione, si sono scritti tomi interi. Senza considerare fumose centrali occulte del potere/sapere che tanto piacciono ai complottisti è sufficiente chiedersi quanto siamo liberi di scegliere quando per capire un problema, data la complessità e la frammentarietà del nostro sapere, occorrono competenze specifiche che la maggior parte di noi non possiede. È come se la gran parte del pubblico sia condannato a commentare la periferia dei problemi, la panna montata che ne fanno i media per vendere, senza avere accesso minimo alla comprensione degli elementi fondanti un giudizio informato. Poi, certo, si può dire che vale quello che dicevano in proposito proprio i Tory inglesi di inizio ‘700: “non importa ciò che il pubblico sa, conta quello che sente”. Ma allora verrebbe a sparire proprio quell’elemento di raziocinio che abbiamo visto essere diventato determinante nel definire il concetto moderno di “sfera pubblica” come mediazione politica fra stato e società. Non si può certo affidare tale mediazione alla sola sfera delle sensazioni.

L’anarchismo dei social network promuove o limita la pubblica opinione?

La terza gamba del concetto di opinione pubblica che viene a mancare è appunto un centro di mediazione sociale. Lo si può intravvedere già in quello che dice Habermas ma per capirne la portata politica basta ricordare un esempio citato da Nick Carr nel suo libro “The big swtich” quando racconta di un esperimento di un’università americana. Hanno diviso un gruppo di lettori fra democratici moderati e repubblicani moderati, li hanno costretti a informarsi solo in rete per cinque anni e poi hanno visto l’effetto: al termine i due gruppi non riuscivano più neanche a confrontarsi, ognuno si era informato solo all’interno della propria bolla. La carta stampata era anche un luogo di mediazione fra diverse anime politico-sociali, un luogo dove si faceva sintesi.

Ora, in molti hanno risposto a Habermas negando la sue tesi spesso in nome della rete come massimo strumento di democrazia o di anarchica libertà vista quindi come massimo luogo dell’esercizio dell’opinione pubblica. Noi, in base ai punti visti finora, tendiamo qui a sostenere il contrario, che invece di darle potere, l’anarchismo verso cui tende il mondo dei social, ha fortemente contribuito alla sparizione di un’opinione pubblica. Non è solo e non tanto che mentre molti giornali in Italia si rifiutavano di pubblicare i volantini delle Br, mentre in Inghilterra non si poteva dare spazio agli appartenenti all’Ira irlandese, il prezzo di questa libertà è che ora anche i terroristi hanno un mezzo di comunicazione di massa. Ma che questo dobbiamo considerarlo fra quelle conseguenze e quei cambiamenti che, se accompagnati alla balcanizzazione della rete dopo le denunce di Snowden, portano a riformulare il concetto stesso di informazione e a chiedersi per quali tipologie di cittadini essa possa ancora avere una valore monetario e quali innovazioni questo comporti e abbia comportato finora. Insomma non si tratta solo di stabilire quali siano gli influencer nelle rete sociali con strumenti più raffinati di quelli attuali o di costruire sempre più prodotti verticali ma soprattutto di costruire gli strumenti di analisi, più ancora che quelli tecnologici, per identificare in questi reticoli la costruzioni di nuovi micro poteri e dei loro processi decisionali. Onde poterli rappresentare e saper descrivere le decisioni là dove esse vengono prese veramente. Tutto ciò, lamenta Henry Kissinger, diventa un vero problema politico nel momento in cui va ricostruito il legame fra potere e legittimità e lo diventa ancora di più nel momento in cui il potere stesso vive una decadenza che lo rende sempre più inefficace, una decadenza per cui chi arriva nella stanza del potere poi scopre sempre di più che se schiacci il bottone accade poco o niente, come spiega invece Moses Naim. In questo quadro qualsiasi movimento che voglia ispirarsi alla società civile farebbe prima a dire di volersi ispirare all’ippogrifo o a qualsiasi altra creatura fantastica, mentre per i media il rischio è di farsi portatori di istanze sempre più particolaristiche, nel senso del particulare, e di scambiare sempre di più questo piccolo acquario per il grande mare.

PS: quando abbiamo usato qui il concetto di società civile lo abbiamo fatto intendendolo come sinonimo di opinione pubblica e di sfera pubblica. In realtà il concetto ha una lunga storia. Lo abbiamo qui utilizzato basandoci su una definizione di società civile come momento del consenso e della lotta per l’egemonia contrapposto a quello stato a cui noi privati abbiamo ceduto il controllo della forza (un tempo si giravi armati, poi, almeno qua in Europa, lo stato moderno ha acquisito il monopolio della violenza). Ma ci sono tante altre definizioni possibili, la si può vedere come sinonimo di società politica (Hobbes), o come contrapposta alla società politica (Rousseau), o come momento intermedio fra società naturale, la famiglia, e società politica, lo stato (Hegel). Noi usiamo questa definizione, presa da Gramsci, solo perché ci sembra la più moderna, quella più in linea col pensiero di molti cantori delle pubbliche virtù della società civile.

La killer app per vendere i giornali? La credibilità, lo dice Google (e lo confermano i dati)

Se i risultati economici dell’ultimo trimestre di Google vedono il fatturato crescere (+15%) ma fanno anche storcere il naso con quel 13esimo trimestre di seguito in cui il costo del click è in calo, nel mercato della credibilità la concorrenza ha invece sbaragliato tutti. Come si vede dal grafico qua sotto, presentato a Davos e proveniente dal Trust Barometer che ogni anno realizza una società di pr, Edelman, su un campione di 33mila persone in una ventina di paesi, e che monitora la fiducia in media, istituzioni, Ong,…. Negli ultimi anni questo barometro ha registrato la costante erosione nella fiducia nei media tradizionali, lo sappiamo, ma quest’anno i motori di ricerca fanno segnare il sorpasso  (64% contro 62%). E nel caso dei millenials la battaglia della carta si fa ancora più dura (72% contro 64%).

Schermata 2015-02-03 alle 23.05.07

In realtà, obiettano alcuni, questo grafico rischia di paragonare mele e pere dato che i motori di ricerca non producono informazione ma semmai la organizzano. Ma Google, si può rispondere, è un aggregatore, come l’Internazionale e Dagospia, solo infinitamente più sofisticato.

È inoltre da notare la crescente fiducia negli Owned media, vale a dire i siti aziendali trasformati in giornali, anche in base a quanto l’algoritmo di Google  permette di fare ora in questo campo (ne abbiamo scritto qui). In pratica che a fare informazione siano direttamente le aziende, in maniera aperta e dichiarata, per i lettori non intacca la credibilità della fonte.

 Una seconda slide riguarda soprattutto il mondo dell’informazione economica, qui per il web non c’è partita. Si nota come in questo settore quando c’è un grande notizia, una breaking news,  televisione e web si fondono del tutto (il riquadro di centro) mentre per il resto la Rete è chiaramente dominante, sia come prima fonte di informazione (il riquadro di sinistra) sia come fonte di validazione delle notizie.

Schermata 2015-02-03 alle 23.06.27

Frédéric Filloux, uno dei due autori di Monday Note, uno dei migliori blog di analisi dei media, scrive che  dopo questi grafici è chiaro perché nei giorni degli attacchi di Parigi molti editori si siano trovati con oltre il 50% del traffico proveniente da Google. Un dato preoccupante per molti di loro, già in lotta col gigante californiano. Ma che è preoccupante anche per Larry Page «Non c’è bisogno di spiegare quanto questo metta pressione su Google (molto meno invece su Facebook che non è altrettanto preoccupato del suo ruolo come distributore di informazioni)», scrive Filloux. Ecco anche spiegato perché l’azienda di Mountain View punti così tanto alla diffusione del suo Trust Project, una serie di linee guida che i giornali dovrebbero adottare per aumentare la loro credibilità. Volendo organizzare tutto il sapere del mondo (questa la mission dichiarata), Google reclama un potere che diventa sempre più normativo. Non perché sia “buono”, come ha spesso ambiguamente preteso di essere, ma perché ha bisogno che il suo utente trovi davvero ciò che cerchi e in tempi brevi, altrimenti  rischia di perdere quote di mercato. E poi in fondo è propio Google che ci ha abituati all’idea che ogni domanda abbia una risposta.

Il fine di queste norme è ben sintetizzato da Filloux:

Google’s idea to implement all of the above is to create a set of standardized “signals” that will yield objective ways to extract quality stuff from the vast background noise on the Web. Not an easy task.

Le linee guida del Trust Project non sono editoriali, né di attività Seo: non dicono come meglio scrivere un articolo o quali accorgimenti usare per indicizzare meglio i contenuti (come ad esempio scrivere “Ministero dell’Economia” e non “Via Venti settembre”). Anche se l’esito vuole proprio essere questo ultimo, creare dei segnalatori di qualità che permettano di giudicare il valore in maniera appropriata per dargli maggiore rilevanza. I punti individuati da Google sono 5 e vanno da un codice etico per ogni testata, a una maggiore trasparenza sulle competenze degli autori, sulle correzioni e sulle revisioni dei pezzi (se volete leggerne una sintesi cliccate qua, se invece li volete leggere per intero cliccate qua). Per capirne l’importanza pensare che una delle funzioni base di Google si chiama proprio TrustRank definito come «l’insieme di calcoli che permettono di valutare la fiducia riposta nella persona X dai suoi amici, dai suoi conoscenti, e dalle cerchie sempre più lontane di contatti – fino agli sconosciuti che possono essere coinvolti solo dalla rilevanza effettiva dei contributi pubblicati». L’ha definizione è di Paolo Bottazzini e se volete capire come funzionano TrustRank, Knowledge Graph e gli altri modi con cui vengono organizzate le informazioni cliccate qua.

Insomma, questa attenzione alla credibilità e alla fiducia è nella natura delle cose sin dagli inizi. Anche chi scrive, nel suo piccolo, sei anni lavorò a un paper per la Fondazione Ahref per definire degli standard per l’informazione per il giornalismo della Rete. In questo caso si trattava di standard editoriali desunti dai manuali interni di varie testate (Nbc, Reuters, Newsweek, Bloomberg,…) ma la definizione di standard di qualità si rendeva già chiara perché con l’aumentare del rumore creato dalla crescente quantità di contenuti, la difficoltà a scremarli per qualità si fa esponenzialmente sempre più alta, oltre che sempre più politicamente ed economicamente rilevante.

E quanto con l’avvento della Rete e dei social sia centrale la credibilità nella definizione della qualità non lo si capisce solo studiando l’algoritmo organizzatore o leggendo il Trust Project, ma lo si può desumere anche da un’altra slide del Trust Barometer. Quella che mostra la fiducia nei media nel mondo. I paesi più interessanti in questo caso sono India e Brasile. Come capita ormai da anni nella prima la fiducia nei media cresce, nel secondo cala. Mentre in India, dove c’è un sistema di media lasciato in parte dagli inglesi, la gente che diventava più ricca consumava più giornali , questo nel Brasile del giornalismo latino, più connotato da una estrema vicinanza al potere e da una minore credibilità,  non accadeva.  Anzi, come ha raccontato l’Economist , in Brasile la crescita economica ha spinto verso un maggiore uso dei media online e dei social. La Folha de São Paulo, il maggiore giornale brasiliano, nel 2013 ha licenziato 24 giornalisti, il 6% del totale. Certo la credibilità è uno degli aspetti  (in India i giornali hanno costi bassissimi) ma il fatto che una maggiore ricchezza non abbia spinto i brasiliani a consumare più carta è certamente indicativo. In un sistema più credibile, come quello indiano, beneficiano tutti della crescita economica, in uno dove invece prevale lo scetticismo verso i media, come in Brasile, chi guadagna è solo l’online.  

Schermata 2015-02-03 alle 23.04.16

D’altra parte in tutto il mondo i  quality newspaper  (li chiamano così gli inglesi per distinguerli dai tabloid) stanno lottando in un ambiente ostile mentre cercano di capire cosa significhi qualità

“We’re in the middle of a storm,” says Jayme Sirotsky, a former president of the World Association of Newspapers. “Everyone is trying to produce quality news content and still stay profitable in a hostile environment.”

Da quanto visto appare allora chiaro che chi, per dinamiche proprietarie e per professionalità, sarà nella posizione di poter davvero includere nel concetto di qualità quello di credibilità, avrà già fatto un gran bel pezzo di strada.

Scritto da Jacopo Barigazzi

Chi vince perde, è il paradosso dell’informazione da cui siamo partiti

L’informazione si dissolve mentre trionfa, è il paradosso sui cui si ragiona da molti anni, un “chi vince perde” à la Sartre. Nel momento in cui dai social ai big data è un trionfo di informazioni e delle loro condivisioni, in epoca in cui pensiamo che se una notizia è davvero importante sarà lei a raggiungerci, in quel momento il mondo dell’informazione va in pezzi. Una sorta di lberalizzazione del mercato dell’opinione. Da qui siamo partiti nel pensare ai corsi di Ventuno e alla ricerca di Ventunolab. Grazie a Luca De Biase che nel suo blog ha spiegato perfettamente uno dei punti chiave dei nostri corsi:

I corsi di Ventuno sono “beni esperienza”

«Sembrano dedicati a giornalisti. Ma proprio la stessa ragione per cui il giornalismo si diffonde molto oltre il business dei giornali (che avendo perso il monopolio delle notizie non se la passano tanto bene) spiega perché questi corsi di Ventuno servono a professionisti diversi: servono a chiunque voglia gestire siti, capire fatti, condividere informazioni per sviluppare un suo business».

Sconfitta dell’informazione, ora sono le aziende a fare giornalismo

Si chiama «Richmond Standard» e si propone di fare «informazione guidata dalla comunità locale», offre notizie, cronaca e sport, è un giornale locale di Richmond, California. E finora nulla di strano. La differenza con le altre testate è che è di proprietà della Chevron, la società petrolifera da 240 miliardi di dollari di fatturato che qui possiede una raffineria che nel 2012 prese fuoco mandando in ospedale 15mila persone. Con la chiusura di molti giornali locali, ora ci si informa alla Chevron. Il principale quotidiano dell’area, il «San Francisco Chronicle», tuona contro questa compromissione fra due mestieri molto diversi per quanto simili, comunicazione (pubblicità, pubbliche relazioni) e informazione (giornali, radio eccetera). Ma la direzione è quella, le aziende che diventano editori. E non riguarda solo Richmond.
I siti azienda (od owned media) sono infatti una tendenza che nasce in epoca di native e brand advertising, il cosiddetto corporate journalism, l’informazione fatta direttamente dalle aziende. Perché uno dei pochi punti fermi della crisi dei giornali è proprio il contemporaneo trionfo, sia in termini di numeri sia di dinamiche, del mondo della comunicazione: negli Usa, secondo i dati del Bureau of Labor Statistics, per ogni giornalista ci sono ora 4,6 comunicatori, dieci anni fa il rapporto era di uno ogni 3,2. In Italia il calcolo è più complicato dato che negli uffici stampa molti hanno il tesserino da giornalista, ma il settore complessivo della comunicazione, secondo i dati di una ricerca del Politecnico di Milano e di Assiocom, ha un giro d’affari complessivo che vale circa l’1% del nostro Pil. E, nel campo delle sole public relations, il novanta per cento dei soci Assorel ha dichiarato un fatturato positivo nel 2013 rispetto al 2012. Musica rispetto al devastante panorama dell’informazione: è dal 2001 (con l’eccezione del 2006) che calano le copie vendute dei quotidiani.
Non è un caso allora che sempre più aziende si stiano convertendo in editori anche alle nostre latitudini: nella ricerca del Politecnico risulta che «il 44% delle imprese dichiara che investirà la maggior parte del proprio budget negli owned media».

Per leggere il resto clicca qua  

(Mio articolo su Nòva, l’inserto di tecnologia del Sole 24 Ore, pubblicato il 23 novembre col titolo “Quando le aziende fanno giornalismo”.  Gli altri articoli che ho pubblicato quel giorno su Nòva sono nella sezione dei miei pezzi in italiano)

Microfisica della speranza

Stamane sull’autobus, sto portando le mie figlie all’asilo come ogni mattina, scatta il verde e il bus sta per ripartire ma subito si ferma e riapre le porte. “Signore, quella bambola a terra è di una della sue figlie?” mi chiede l’autista. Sì, lo è, balzo a prenderla. Risalito lo ringrazio, gli spiego che lo voglio santo subito, che mi ha salvato la giornata e noto che nessuno si lamenta del fatto che per prendere la bambola, una civetta rosa, abbiamo quasi perso il verde del semaforo. Le mie aspettative sull’interazione pubblica sono basse assai, in un giorno di sciopero sono nulle perché mi aspetto pure gente incazzata, così questa, per me, diventa microfisica della speranza.

Come lo governi un mondo che non si fida più?

Dalla crisi del ’29 si usci con una legge di 37 pagine, il Glass-Steagall Act, da quella attuale si vuole uscirne con una legge di 848 pagine, la Dodd-Frank, che contiene anche 400 dispostivi attuativi che, una volta del tutto attuati, porteranno questa legge ad essere composta di 30.000 pagine complessive. Lo racconta un paper della Bank of England. Certo, il mondo ora è più complicato, ma è chiaro anche che nessuno si fida più di nessuno. E come lo governi un mondo dove non ci fidiamo più?